giovedì 7 ottobre 2021

2 OTTOBRE MANUTENZIONE DEI SOCI AL GIARDINO DELLA MEMORIA DI LUCOLI

Il Giardino della Memoria del Sisma di Lucoli è un luogo molto amato dai volontari che lo accudiscono e non solo da loro. 

E' un monumento verde nato dalla solidarietà di molti e dedicato alle vittime del terremoto d'Abruzzo del 2009, in dieci anni è divenuto anche un "libro" vivente che contiene tante storie di piante, anche quelle delle mele che raccontano le vicissitudini delle loro esistenze nell'Appennino Aquilano. Anche la storia di altre specie come quella del rosmarino che gli antichi chiamavano la "rugiada del mare" e che difendeva le case dal male, era di buon auspicio per gli sposi, era l'erba della memoria, era l'elisir della giovinezza e nel nostro monumento verde si dispiega sulla  muraglia. La storia del Gelso che vegeta nel Giardino, propagato da quello ultracentenario che vive di fronte l'Abbazia di San Giovanni: il morus nigra, il "moro" dei contadini. Per una tradizione antichissima e leggendaria il colore delle "more" (bianche o nere) è fatta risalire a una triste faccenda d'amore che accadde in Babilonia, come documentò Ovidio, quella tra Piramo e Tisbe. I gelsi neri portano il lutto dei due innamorati, così pensavano i romani e non potevano prevedere che ai giorni nostri i morus nigra si stanno estinguendo mentre i gelsi cinesi (con more bianche) si diffondono.

Veduta del Giardino e dell'Abbazia di San Giovanni Battista (foto Manieri)

Il Giardino della Memoria non ci fa pensare solo alla botanica, alle sue leggende ed al giardinaggio ma anche ai luoghi della conca aquilana dove la pazienza del vivaista Enzo Sebastiani, che ci supporta da dieci anni, ha trovato molte delle cultivar antiche piantate in questo luogo, come la Mela zitella della foto che proviene da San Felice d'Ocre (da villa Antonini, cardiologo molto conosciuto all'Aquila).
Cultivar Melo Zitella
Trascorso un anno ci siamo ritrovati per lavorare alla manutenzione del Giardino come volontari dell'era Covid. 
Il nostro intento non è stato quello di essere eroici (abbiamo le nostre paure sul contagio), ma di curare le piante e migliorare questo luogo, che è di tutti, anche smuovendo le coscienze, mostrare e percorrere strade, coltivare il senso di appartenenza solidale alla comunità. Ogni volta che ci incontriamo ci rimproveriamo perché si coinvolge una quota minoritaria della popolazione e quindi ci diciamo che dobbiamo trovare forme di impegno e linguaggi nuovi per fare in modo che molte persone possano beneficiare della bellezza del Giardino, della forza dell'aggregazione e dell'amicizia. È normale che esistano persone le quali non hanno propensione a impegnarsi in percorsi strutturati e duraturi magari all’interno delle associazioni, ma il volontariato è prima di tutto un modo di essere dentro la società, un modo di essere dell’individuo e trova la sua naturale propensione a creare comunità tramite relazioni di senso.
Il Giardino della Memoria ha un grande valore morale e quindi un "senso" condivisibile.

Restauro della "casa" dei nomi delle vittime del sisma del 2009

Realizzata una nuova aiuola all'interno del Giardino e nuove panchine che godranno dell'ombra della quercia.

La cura degli alberi: il Sorbo domestico adottato dagli amici californiani Ruth White ed Alan Block aveva bisogno di sostegni.



Dopo una giornata di lavoro la foto ricordo

Ringraziamo i Professori Giuseppe D'Annunzio e Fernando Lucchese per averci visitato al Giardino

Ringraziamo i nostri soci per esserci: pensiamo che ogni azione individuale di solidarietà, di costruzione di bellezza, di dare una mano per migliorare il bene comune di una comunità, conti.
Alla prossima!


Cultivar Melo cipolla

Nessun commento:

Posta un commento