martedì 2 agosto 2016

LA MADONNA IN TERRACOTTA ATTRIBUITA A GIOVANNI ANTONIO DA LUCOLI E' ESPOSTA A CRACOVIA

Il gruppo di terracotta di Giovanni Antonio da Lucoli
Cracovia ha accolto un milione di pellegrini che hanno partecipato alla Giornata Mondiale della Gioventù (GMG), terminata a fine luglio, con la presenza di Papa Francesco. 
Come preludio a questo evento, e insieme alle iniziative realizzate per l’Anno Santo della Misericordia, il Museo Nazionale di Cracovia ha aperto la mostra ”Maria, Mater Misericordiae” che sarà visitabile fino al 9 ottobre p.v. 

La mostra comprende numerose opere d’arte dedicate alla Madonna altrimenti sparse tra chiese, musei e collezioni private di tutta Italia e non solo.
C'è anche un'opera in terracotta realizzata da Giovanni Antonio da Lucoli (detto anche l'aquilano) che ci riporta al nostro territorio.
La mostra è stata divisa in cinque sezioni: Madonna del Manto Protettore, La Madonna del Latte, Madonna della Tenerezza, Madonna della Pietà e Madonna Ornata. Ciascuna opera è stata collocata in una nicchia con cornici arrotondate, evocando gli interni di una chiesa. In totale le immagini sono una novantina. “Alcune opere non sembrano dipinte da mano umana. Sono proprio così le opere che potete trovare nella nostra mostra. Nella mostra ci sono opere di artisti famosissimi, come Giotto di Bondone, Paolo Veneziano, Hans Memling, Albrecht Dürer, Francisco de Zurbarán e Peter Paul Rubens. Tra le opere d'arte anche due tra le più importanti opere del museo nazionale d’Abruzzo (Munda): si tratta di una Pietà in terracotta che propone un’iconografia di derivazione nordica e della Madonna con bambino in trono appartenuta a uno smembrato polittico del 1489, con ogni probabilità dipinto da Giacomo da Campli. 
L’Abruzzo nella mostra è rappresentato, quindi, dalla Madonna delle Grazie del museo Barbella di Chieti e dalla Madonna in terracotta attribuita a Giovanni Antonio da Lucoli custodita nel museo di Ascoli Piceno

Il Museo nazionale di Cracovia
Un'altra opera lignea di Giovanni Antonio da Lucoli: Madonna della Misericordia 
GIOVANNI ANTONIO (Giannantonio) da Lucoli (Giovanni Antonio Aquilano). - Nacque con ogni probabilità nel 1491 da Gregorio di Cola di Taiano da Lucoli, non è certo se a L'Aquila o nel luogo d'origine paterno. Nel "libro de' fuochi" - un registro comunale delle famiglie residenti all'Aquila - del 1508 relativo al quartiere di S. Giusta, alla data del 7 giugno, si legge che G. aveva diciassette anni e che era figlio di Gregorio di Lucoli, morto durante la peste del 1503 (Chini, p. 118). Se nel 1508 L'Aquila risulta essere il luogo di residenza di G., nulla lascia intendere che sia stato anche quello di nascita; la famiglia poteva infatti essersi lì trasferita successivamente, e nei documenti G. è spesso citato come "de Luculo" (ibid., pp. 119 s.). È comunque certo che G. mantenne rapporti con il vicino borgo paterno, secondo quanto testimonia una voce del "libro dei conti" del Comune aquilano del 1529, nella quale G. risulta debitore della tassa su una "partita" proveniente dal castello di Lucoli.
Adorazione con Bambino - Giovanni Antonio da Lucoli
http://www.treccani.it/enciclopedia/giovanni-antonio-da-lucoli_(Dizionario-Biografico)/

1 commento:

  1. Ma questa madonna in terracotta è strepitosa (mi si perdoni la definizione irrispettosa). E' bella esteticamente ed emana serenità. Il bambino, piuttosto, sembra di mano/epoca diversa...
    Si nota coerenza tra la terracotta e l'opera lignea: posizione delle gambe, delle mani, la panca. Per non farsi mancare niente, Giovanni Antonio è anche altissimo pittore. Beti Piotto

    RispondiElimina