sabato 13 dicembre 2014

“Et incarnatus est…”. Il presepe di Casavecchia.

Una vecchia foto degli zampognari di Manoppello che allietano nella tradizione il Natale
La preparazione del Presepe a Casavecchia
La magia del Presepe si "riaccende” a Casavecchia di Lucoli.
I personaggi quest'anno hanno una nuova ambientazione logistica, più ampia, alle spalle del muro di contenimento della strada 584, vista la sua recente sistemazione logistica  con una rotatoria (divenuta famosa anche su un blog aquilano, https://www.facebook.com/video.php?v=865062516866785).
Se qualcuno si chiedesse come nasca il presepio allestito a Casavecchia per la Comunità di Lucoli, si potrebbe dire che è l’opera di un gruppo di amici che potremmo definire gli “artisti di presepio”.
Nessuno è un artista nel vero senso della parola, ma ciascuno mette semplicemente a disposizione le sue abilità, per cui le mansioni vengono diversificate in base alle esperienze: chi lavora sull'idea, chi ricerca i materiali, chi sull’assemblaggio, tutti si ritrovano per realizzarlo come evidenziano le foto.
Sono ormai parecchi anni, da prima del terremoto, che realizzano questo servizio, autofinanziandosi ed hanno partecipato anche a delle competizioni sui migliori presepi dell'aquilano.
A Casavecchia, anno per anno, si rinnova il desiderio di ricreare quella scena in cui il Salvatore è nato, non solo come un fatto di 2000 anni fa, ma come un fatto sempre contemporaneo all’uomo, per le realtà di ogni tempo, attuale ora più che mai. Ecco la riflessione sulla Natività attraverso le Sacre Scritture, eccola poi espressa come realtà inserita nel mezzo della Comunità di Lucoli, eccola ancora vista come piena accettazione della volontà di Dio e, perchè no, come riflessione sulla realtà dello specifico territorio lucolano affinchè possa affrontare l’assoluta necessità che la sua popolazione sia protagonista del suo futuro, che trovi voce e ruolo democratico nelle scelte, e possa valorizzare un ricco patrimonio di differenze e somiglianze.

Un sentito grazie per questo bel lavoro!

Nessun commento:

Posta un commento