sabato 20 dicembre 2014

COME RESISTONO I GATTI RANDAGI NELL'INVERNO DI LUCOLI?

Se fa freddo per un gatto randagio, la vita è dura

Non è raro trovare gatti rannicchiati sul motore delle macchine per tenersi caldi ed è accaduto che alcuni siano stati uccisi appena la macchina è stata accesa. 
In generale, i gatti randagi vivono meno di quelli che vivono in casa, in quanto sono soggetti a pericoli quali incidenti stradali, attacchi di altri animali, malattie, ipotermia, e altro. 
I gatti di Lucoli trovano riparo nelle molte case lesionate dal terremoto e trovano luoghi sicuri per proteggersi dal freddo. Il cibo è un problema perchè nelle frazioni ci sono poche persone ed è difficile anche cibarsi di avanzi è per questo che alcuni nostri soci hanno pensato ad una "caritas" felina. 
Siamo stati aiutati dall'Associazione animalista Ran l'Aquila Onlus orientata al sostentamento delle colonie feline createsi a L'Aquila dopo il terremoto del 6 Aprile 2009 ed abbiamo predisposto dei punti di "ristoro" per i gatti lucolani ideati per loro e protetti dalla fame di altri animali quali cani e volpi. In particolare ringraziamo l'amico Luigi Rubei che ci ha regalato le attrazzature.
Gatti di Lucoli



Dispensatore di croccantini a Pratolonaro

Punto di "ristoro" accessibile solo a gatti con dispensatore di croccantini
A pancia piena il freddo non pesa
A loro, ai gatti randagi, va oggi il nostro pensiero, con la bellissima canzone "i gatti randagi" di Augusto Daolio (1947-1992). E, naturalmente, il nostro pensiero grato va anche a tutti i gattari e gattare che sono soci della nostra Associazione visto che si prendono cura delle colonie feline di Lucoli.

I gatti più belli sono i gatti randagi:
girano i quartieri di povera gente.
Amici sinceri di chi non ha niente,
di chi tutto il giorno non fa che sognare;
di notte sui tetti, miagolando alla luna
una carezza gli porta fortuna:
più felice via se ne andrà,
più felice via se ne andrà.
I gatti più belli sono i gatti randagi:
questo il bambino già l’ha capito,
uno sguardo, un sorriso, una carezza, un invito
e amici così si sarà.
Amici sinceri, perché non si è niente,
perché tutto il giorno non si fa che giocare.
Questa carezza gli porta fortuna:
più felice via se ne andrà.
I gatti più belli sono i gatti randagi:
non hanno doveri, non hanno padroni.
Rubando a tutte quelle persone
che sanno odiare ma non sanno amare;
di notte sui tetti miagolando alla luna
una carezza gli porta fortuna:
più felice via se ne andrà,
più felice via se ne andrà.
Siamo un po’ tutti dei gatti randagi:
ce ne andiamo con i sogni in spalla.
Siamo un po’ tutti dei buoni da niente,
siamo un po’ tutti dei tira a campare.
Noi siamo quelli che vogliono andare,
un solo credo: la voglia di amare.
Un solo sogno la libertà,
un solo sogno la libertà.

2 commenti:

  1. Grazie per quello che fate.
    A Casavecchia il paese e' quasi completamente disabitato e ci sono molti gattini randagi o abbandonati. Per quanto possibile, cerchiamo di sfamarli noi. Stessa cosa a Lucoli Alto. Anche li c'e' una splendida persona che cerca di aiutarli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della risposta Marcello,
      NoiXLucoli Onlus si spende dalla sua costituzione su temi ambientali ed animalisti è a disposizione per aiutare in collaborazione con l'Associazione Ran Onlus dell'Aquila: verifichiamo insieme cosa può servire.
      Cerchiamo con le nostre azioni di "RISCOPRIRE LA TENEREZZA NEL RAPPORTO UOMO-NATURA". Siamo convinti che esista un processo di evoluzione comune fra la natura, la struttura fisica e la società umana, attraverso le reti di scambio che riguardano ciascun ambito e contemporaneamente si influenzano reciprocamente. L’evoluzione culturale di un territorio è fortemente influenzata dalla sua evoluzione idrogeologica, geomorfologica, climatica e biologica, ma contemporaneamente influenza questi ultimi aspetti. Il sistema economico consumista che ci domina ha rotto questa unità evolutiva con la natura. Allora l’evoluzione della strutturazione antropica del territorio si è staccata dall’evoluzione degli ecosistemi presenti, danneggiando sia le reti ecologiche sia le reti di scambio fra uomo e natura, come anche le reti di relazioni sociali.
      Noi ci concentriamo su ogni ambito "residuale" dove ci è concesso di agire per diffondere queste idee di speranza che ora si concretizzano negli animali randagi.

      Elimina