mercoledì 2 gennaio 2013

LUCOLI PRIMA E DOPO IL TERREMOTO DEL 6 APRILE 2009. IMMAGINI DI BELLEZZA E DI ROVINA.

 
CLICCARE SUL TESTO PER VEDERE IL FILM DI ROBERTO SOLDATI


J'UCURU ME
Ucuru me, che in piani, rupi e mmondi
sse sétici villette tu sparpagli,
tu che rrenfrischi co' singere fondi
l'arzura de lle pecore e ccavagli,

tu che mme 'ici sembre tande cose
e sembre nòve, sembre, tutte quande
me recali j'odore delle ròse,
de fiori e ffieno e dde ste ggioie tande.

De mmatina, de sera, tutti i jorni
scì sembre uquale, eppure sembre novo:
Ucuru me, paese de gli stormi,
de canti e d'allicrie tu scì gliu covo.

Ju riu che scorre silenziosamende
se porta tandi sogni 'e gioventù
Ucuru me - te 'ice lendamende -
quanta pace se gode da essusù
 
Poesia di Francesco di Gregorio tratta da: "La Limbarda" - Versi dialettali 1960-1966.

Nessun commento:

Posta un commento