martedì 28 agosto 2012

LO SFREGIO SUL LOGO IN CERAMICA DEL GIARDINO DELLA MEMORIA

Nei possibili giorni del 24  (notte) e 25 agosto 2012 la formella con il logo del Giardino è stata danneggiata. Realizzata in gres porcellanato è resistente agli urti ed al gelo: è occorsa molta "buona volontà" per romperla con l'aiuto di un corpo contundente.


Da G. Verga, Un processo, in Tutte le novelle, 1887.
‹‹- Conoscete da molto tempo l'imputato? (chiese il giudice alla testimone, una prostituta soprannominata Malerba)
  - Sissignore. Questo qui me l'ha fatto lui, tre anni sono -.
  E indicò fieramente uno sfregio che le segnava la guancia, dall'orecchio sinistro al labbro superiore.
- E non ve ne querelaste?
  - No. Era segno che mi voleva bene.››
 ...
‹‹ Quando mi vedeva insieme al doganiere del molo, che era un bell'uomo, mi diceva: "Vedi questo temperino arrotato, che io tengo in tasca apposta? con questo ti taglierò la faccia, e dopo m'ammazzo io". E mi tagliò davvero. Io gli dissi: «A che serve? Ora che m'avete sfregiata nessuno mi vorrà, e non sarete più geloso».
***
La nostra Associazione lascerà la formella ceramica con il logo del Giardino della Memoria, ideato dall'artista Valter di Carlo, nello stato in cui è stata danneggiata. 
Ora che è stata "sfregiata" forse non ci sarà altro da distruggere e chi si è preso tanta cura nel compiere tale atto "non sarà più geloso".

Nessun commento:

Posta un commento