domenica 1 gennaio 2012

LE TRADIZIONI DI LUCOLI: 31 DICEMBRE A VADO LUCOLI

La Chiesa di San Michele e lo stradello illuminato dalle torce

L'altare delle Chiesa. Il "Paliotto di Lucoli" con le maioliche rimaste e custodite al Museo Nazionale dell'Aquila è simbolicamente tornato sull'altare per il quale fu costruito nel 1713 da Saverio Antonio Grue, ceramista di Castelli.
Le foto sono state gentilmente concesse dalla Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici dell'Abruzzo

Finita la Santa Messa si prepara la fiaccolata per la discesa a Vado Lucoli

Neve ghiacciata e percorso accidentato, grande prova, ma miracolosamente tutti sono arrivati salvi a Vado Lucoli

L'anno vecchio viene bruciato e mai più ritornerà

Tutte gli eventi brutti dell'anno bruciano simbolicamente con il fantoccio


Tante le persone presenti

Il fuoco del fantoccio dell'anno vecchio ci ricorda una bellissima poesia di Francesco Di Gregorio: "La Limbarda" che dedichiamo a tutti i lettori di questo blog, affinchè la fiamma del camino riscaldi il cuore di ognuno per il nuovo anno.

La Limbarda (la fiamma del camino)


Vicinu alla limbarda quann'è ssera
gni ttandu me ngucuglio a rescallamme,
me bbasta 'nu momendo pé scrollamme
de st'aria fredda che gni ddone fera.
Ma nò nte oglio bbene pé stu fattu
fiammella che scupjitti a gliu caminu!
Tu me rescalli ncore 'nu suspiru
'nu sogno conzervatu sembre ntattu.
E' vvero che la mota t'à cassata;
sò stufe d'ogni fforma e de la manera
che scallanu 'ggi giorno gni ccasata;
ma quanno ch'è dd'inverno e vvè la sera
soio vicinu a tti, limbarda amata,
me ss'arrappiccia ncore poca spera.

Poesia di Francesco Di Gregorio, La Limbarda, versi dialettali 1960-1966. La Bodoniana Tipografica L'Aquila 1970.

Nessun commento:

Posta un commento